Close
lastrico-solare-condomino

Il lastrico solare appartiene ad un solo condomino? Che lo provi!

Spetta al condomino, che pretenda l’appartenenza esclusiva di un bene, quale ad esempio un lastrico solare, dar prova della sua asserita proprietà esclusiva; in difetto di tale prova, infatti, deve essere affermata l’appartenenza a tutti i condomini. La vicenda era sorta dalla controversa proprietà di un lastrico solare, che, se per un verso, stando alla […]

Leggi Ancora
amministratore-condominio-assemblea

L’amministratore di condominio ha sempre bisogno dell’autorizzazione dell’assemblea?

L’autorizzazione dell’assemblea dei condomini non è richiesta per le controversie riguardante materie che attengano ai compiti affidati all’amministratore, compiti indicati dal codice civile e da leggi speciali. Un condomino, depositando ricorso ai sensi dell’art. 152 ss. D.Lgs. 196/2003, agiva nei confronti del relativo condominio e del comune, lamentando la diffusione illegittima di suoi dati e […]

Leggi Ancora
Condominio-legittimazione-impugnare

Condominio: legittimazione ad impugnare

La legittimazione ad impugnare una deliberazione assembleare compete individualmente e separatamente agli assenti e ai dissenzienti e ognuno può esercitare l’azione verso il condominio rappresentato dall’amministratore, senza necessità di chiamare in causa gli altri. La vicenda aveva preso le mosse dall’impugnazione di una delibera assembleare da parte di un condomino; orbene, giunta innanzi alla Corte […]

Leggi Ancora
Omessa-tardiva-trasposizione

Omessa o tardiva trasposizione delle direttive e risarcimento del danno

Omessa o tardiva trasposizione delle direttive comunitarie: sorge il diritto degli interessati al risarcimento dei danni che va ricondotto allo schema della responsabilità per inadempimento dell’obbligazione “ex lege” dello Stato. La vicenda aveva visto la condanna del Ministero al risarcimento danni in favore di un medico per la mancata attuazione della direttiva comunitaria in materia […]

Leggi Ancora
Beni-comuni-titolo

Beni comuni: è possibile unificarli se derivanti da diverso titolo?

È vietato unificare in un’unica massa i beni comuni derivanti da diverso titolo. Due coniugi, in regime di comunione legale, avevano chiamato in giudizio alcuni parenti, chiedendo che venisse sciolta la comunione su alcuni beni immobili, comunione formatasi attraverso successioni mortis causa. Orbene, sorvolando sulle vicende inerenti il merito della questione giurisdizionale, val la pena […]

Leggi Ancora
Responsabilità-bancaria-risarcimento

Responsabilità bancaria: risarcimento danni e prova

Per ottenere il risarcimento di un pregiudizio conseguente all’altrui comportamento illegittimo occorre allegare e provare non solo un danno – evento, ma anche un danno – conseguenza e ciò anche nel caso di richiesta di risarcimento del danno da illegittima segnalazione alla Centrale dei Rischi. Nella vicenda de qua una società aveva convenuto in giudizio […]

Leggi Ancora
Occupazione-immobile-responsabilità

Occupazione di un immobile sine titulo e responsabilità extracontrattuale

In tema di occupazione di immobile sine titulo, il permanere dell’occupante all’interno dell’immobile nonostante l’esplicita richiesta di rilascio, configura un illecito ai sensi dell’art. 2043 c.c., con conseguente diritto del proprietario ad ottenere il risarcimento del danno. Il proprietario di un appartamento aveva convenuto in giudizio l’abusivo occupante dell’appartamento medesimo. Nella specie, l’attore aveva evidenziato […]

Leggi Ancora
Distanze-legali-costruzione

Distanze legali: cosa si intende per costruzione?

Deve ritenersi costruzione qualsiasi opera non completamente interrata avente i caratteri della solidità, stabilità ed immobilizzazione rispetto al suolo, anche mediante appoggio o incorporazione o collegamento fisso ad un corpo di fabbrica contestualmente realizzato o preesistente, e ciò indipendentemente dal livello di posa ed elevazione dell’opera stessa, dai suoi caratteri e dalla sua destinazione. Un […]

Leggi Ancora
Occupazione-spazi-pubblici

Occupazione di spazi pubblici: come si configura il canone?

Il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche risulta configurato come corrispettivo di una concessione, reale o presunta (nel caso di occupazione abusiva), dell’uso esclusivo o speciale di beni pubblici. La vicenda verteva sulla debenza o meno da parte di una ditta, commerciante ambulante e titolare di posteggi fissi in alcuni mercati settimanali scoperti, […]

Leggi Ancora