Close
condominio-ponteggio-spese

Condominio: ponteggio e ripartizione spese

Condominio: la ripartizione del costo di un ponteggio installato per lavori comuni ed esclusivi ben può essere paritaria, qualora la sua permanenza non si sia resa necessaria per svolgere ulteriori lavori di pertinenza esclusiva.

La vicenda giunta all’attenzione della Corte di legittimità ha preso spunto dall’impugnazione di una delibera assembleare da parte di un condominio, il quale si doleva dell’irregolare, a suo dire, riparto di spese. Tuttavia, sia il giudice di primo grado che la Corte d’appello avevano respinto le sue doglianze.

Nella specie, la questione, posta la delibera e l’effettuazione di lavori misti su parti comuni e/o individuali, verteva sulla ripartizione dei costi del ponteggio, attribuiti indifferenziatamente a ogni condomino; tuttavia, come ribadiva il giudice di seconde cure, le doglianze del condomino non potevano trovare accoglimento in ragione della mancata dimostrazione, da parte sua, sia del concreto danno economico che tale ripartizione indifferenziata aveva comportato sia, per altro, dell’interesse ad agire.

Non pago della decisione ottenuta, il condomino decideva dunque di ricorrere per Cassazione; neanche in tale sede, però, le sue doglianze hanno trovato conforto.

In particolare, a mente del ricorrente, la Corte d’Appello aveva fatto errata dell’art. 1123 c.c., concerne, appunto, i criteri di ripartizione delle spese condominiali. Si tratta di censura, secondo gli ermellini, non meritevole di accoglimento poiché, di fatto, non supera la problematica della mancanza di prova rispetto al danno economico e all’interesse ad agire; per altro, il costo di installazione del ponteggio era comunque da sostenere per spese comuni e dunque era dovuto. Unico costo ripartibile era dunque quello concernente l’eventuale noleggio del ponteggio per più giorni necessari per opere conclusive.

Per tali ragioni, correttamente le corti di merito hanno ritenuto che non vi fosse prova del fatto che il ponteggio de quo fosse stato utilizzato per un periodo di tempo superiore a quello necessario per gli interventi comuni con aumento del relativo costo, motivo per cui, manca la prova del presupposto di fatto .

Cass., 11 febbraio 2019, n. 3921

Redazione A-I.it Avvocati Associati in Italia

Read in this month : 22

Condividi!

One Comment on “

Sergio
3 Agosto 2022 a 09:43

Il concetto di paritario, nella divisione delle spese del ponteggio in un condominio sarebbe a significare che i condomini possono dividere le spese in parti uguali escludendo i millesimi ?

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *