Close
Morte-rappresentante-società

Morte del legale rappresentante e responsabilità della società

A seguito della morte del legale rappresentante, deceduto nelle more del procedimento penale, alla società non può essere addebitata, pur nella mancanza di un modello organizzativo, un’omissione diretta a soddisfare un interesse o vantaggio dell’ente.

Nella vicenda in esame, un operaio aveva riportato un infortunio sul luogo di lavoro a seguito della caduta sul medesimo di un pannello di panforte truciolato, anziché di legno multistrato, che teneva separate bobine di carta del peso di circa 700 kg l’una. Invero, nell’ambito delle indagini preliminari era stato sottolineato come l’inidoneità dei pannelli avrebbe potuto essere facilmente verificata dai responsabili della sicurezza aziendale in ragione della presenza su tutti i pannelli allora in uso di scanalature che ne evidenziavano la scarsissima resistenza meccanica a fronte della movimentazione e ancoraggio di materiali molto pesanti.

Per tale ragione, pur vero che la fornitura di attrezzature di lavoro non idonee, oltre che causa dell’evento lesivo, costituisce violazione dell’art. 71, D.lgs. n. 81/2008, cionondimeno il giudice per le indagini preliminari non ha potuto non considerare che il rappresentante legale della società era deceduto nelle more del procedimento e, dunque, alla società, di per sé, non avrebbe potuto attribuirsi, pur nella mancata adozione di un modello organizzativo, un’omissione diretta a soddisfare un interesse o vantaggio dell’Ente come evidenziato dall’esiguo costo dei pannelli più idonei alle operazioni che si stavano svolgendo in occasione dell’infortunio, sì da potersene escludere una responsabilità ai sensi del D.lgs. n. 231/2001.

Sulla scorta di tali considerazioni, il giudice ha dunque disposto l’archiviazione del procedimento e la restituzione degli atti al Pubblico Ministero.

Uff. Ind. Prel. Vicenza, 3 ottobre 2018

Redazione A-I.it Avvocati Associati

Read in this month : 21

Condividi!

One Comment on “

Kenneth Ryen
21 Novembre 2022 a 12:46

buongiorno vi sarei grato per una risposta al mio quesito : legale rappresentante S.p.a. indagato per calunnia è deceduto prima dell’udienza camerale prevista a brevissimo. Subentra il nuovo amministatrore o quello di fatto che si nascondeva sotto la firma del vecchio amministratore? ai fini civili comunque il reato non si estingue per risarcimenti etc . grazie

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *