Close
Condominio-modifiche-beni

Condominio: modifiche sui propri beni e sui beni comuni

Qualora il proprietario di un appartamento esegua opere sui propri beni facendo uso anche di beni comuni, è necessario stabilire se abbia utilizzato le parti comuni dell’immobile nei limiti consentiti dall’art. 1102 c.c. Un condomino aveva citato in giudizio un altro condomino: l’attore, in particolare, era proprietario di un’abitazione sottostante l’immobile in titolarità del convenuto, […]

Leggi Ancora
condomino-decoro-architettonico

Il condomino può agire per tutelare il decoro architettonico del condominio

Il decoro architettonico, che caratterizza la fisionomia dell’edificio condominiale, è un bene comune: il singolo condomino è quindi legittimato ad agire in giudizio per la rimozione delle modifiche apportate da altri condòmini che si rivelino abusive e pregiudizievoli. Una condomina aveva citato in giudizio tre condomini, chiedendo che fossero condannati alla rimozione della struttura in […]

Leggi Ancora
Cortile-comune-vedute

Cortile comune e apertura vedute

In caso due abitazioni di due proprietà distinte dividano un cortile comune, ma non sia ravvisabile l’esistenza di una situazione di condominio, uno dei due partecipanti non è libero di aprire delle vedute sul cortile comune. La proprietaria di una casa aveva convenuto in giudizio due coniugi proprietari di immobile confinante al proprio, domandandone la […]

Leggi Ancora
Condominio-innovazioni-negozio

Condominio e innovazioni

La realizzazione di un’innovazione nelle unità del condominio concerne un’opera di trasformazione che incide sull’essenza della cosa comune, modificandone l’originaria funzione; è dunque necessaria una deliberazione assembleare. Nella vicenda de qua, la Corte d’Appello, nel ribaltare la sentenza di primo grado e nell’accogliere il gravame di un condominio, condannava due condomini al ripristino dello stato […]

Leggi Ancora
condominio-modifica-cosa

Condominio: modifica della cosa comune

Condominio: nel caso in cui sia prevedibile che gli altri partecipanti non possano fare pari uso della cosa comune, la modifica apportata a quest’ultima da un singolo condomino è da ritenere legittima. La vicenda traeva origine dalla condanna di due condomini, rei d’aver realizzato un tetto in sostituzione della struttura preesistente nel condominio in mancanza […]

Leggi Ancora