Close
Amministratore-condominio-danno

Amministratore di condominio: revoca e risarcimento del danno

L’amministratore di condominio, in ipotesi di revoca deliberata dall’assemblea prima della scadenza del termine previsto nell’atto di nomina, ha diritto, oltre che al soddisfacimento dei propri eventuali crediti, altresì al risarcimento dei danni. L’amministratore di un condominio aveva citato in giudizio quest’ultimo per sentirlo condannare al pagamento in suo favore non solo di quanto a […]

Leggi Ancora
Cose-comune-locazione

Cose comune e locazione: cosa può fare il conduttore?

Il conduttore, cui è consentito trarre dalla cosa locata tutte le utilità inerenti al suo normale godimento, escluse solamente quelle espressamente vietate dal contratto o confliggenti con il diritto del locatore o di terzi, può altresì utilizzare le parti comuni dell’edificio condominiale, ove è sito l’immobile locatogli, con eguale contenuto ed eguali modalità del potere […]

Leggi Ancora
Incidente-piscina-responsabilità

Incidente nella piscina condominiale: chi è la responsabilità?

La responsabilità da custodia è configurabile in capo al condominio, obbligato ad adottare tutte la misure necessarie affinché le cose comuni non rechino pregiudizio ad alcuno, e pertanto responsabile dei danni originati da parti comuni dell’edificio e dagli accessori e pertinenze, ivi ricompresa la piscina condominiale. La vicenda aveva preso le mosse dal decesso di […]

Leggi Ancora
Tutela-condominio-legittimazione

Tutela del condominio e legittimazione processuale del singolo

Sussiste il potere del singolo condomino di agire a tutela dei beni condominiali, essendone proprietario pro quota. Una condomina aveva agito in giudizio, chiedendo la tutela del lastrico solare, tuttavia sia il giudice di primo grado che la Corte d’Appello ne avevano dichiarato il difetto di legittimazione attiva, ragion per cui l’istante avevano proposto ricorso […]

Leggi Ancora
Amministratore-condominio-giudiziario

Amministratore di condominio e amministratore giudiziario: differenze

Non vi è alcuna equiparazione tra l’amministratore nominato dall’assemblea del condominio e l’amministratore giudiziario, la cui nomina trova ragione nell’esigenza di ovviare all’inerzia del condominio ed è finalizzata al mero compimento dell’atto o dell’attività non compiuta e necessaria per la corretta gestione del medesimo, la durata del cui ufficio è pertanto ad esso correlata. L’amministratore […]

Leggi Ancora
Condominio-opere-necessarie

Condominio: sui proprietari grava il dovere solidale delle opere necessarie

Condominio: deve ritenersi solidale il dovere dei proprietari dello stabile di eseguire le opere necessarie. Un comune aveva chiesto ed ottenuto un decreto ingiuntivo nei confronti di una condomina di un immobile una somma a titolo di pagamento dei lavori indifferibili e urgenti eseguiti dall’amministrazione comunale medesima. La condomina si era poi opposta, citando a […]

Leggi Ancora
Comproprietà-godimento-risarcimento

Comproprietà: in caso di impedimento si può chiedere una condanna restituoria?

Quando risulta dimostrata una sottrazione o un impedimento assoluto, da parte di un comproprietario, delle facoltà dominicali di godimento e disposizione del bene comune spettanti agli altri contitolari, è possibile affermare una illegittima sottrazione tale da giustificare una condanna restitutoria nel senso di consentire l’utilizzo del bene anche al comproprietario pretermesso. Il comproprietario di un […]

Leggi Ancora
subentro-diritti-condomino

Il subentro nei diritti di un condomino

Alienazione di una porzione esclusiva posta nel condominio in seguito all’adozione di una delibera assembleare: chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente. La vicenda aveva visto il contrapporsi della posizione di un “nuovo” condomino, subentrato nella posizione del […]

Leggi Ancora
Condominio-cosa-comune

Condominio: in che termini si atteggia l’uso della cosa comune?

L’uso più intenso della cosa comune è consentito, ma questo non deve comportare una violazione dell’equilibrio statico e della sicurezza dello stabile, né prevaricare gli altri condomini dalla possibilità di realizzare un uso quanto meno paritetico del bene. Nel caso vengano violati i predetti principi di gestione, non si assiste ad un uso più intenso, […]

Leggi Ancora