Close
proroga-tacita-locazione

La proroga tacita del contratto di locazione

La volontà di prorogare tacitamente il contratto di locazione pervenuto a scadenza può essere manifestata anche tacitamente, ma deve essere inequivoca. La proprietaria di un appartamento, nella vicenda in esame, aveva intimato alla propria conduttrice lo sfratto per finita locazione dall’immobile locato ad uso abitativo nonché del relativo posto auto in autorimessa; in particolare, si […]

Leggi Ancora
Conduttore-occupante-danni

Conduttore e occupante: chi risponde dei danni?

L’occupante dell’immobile cui il conduttore abbia concesso l’uso momentaneo o anche continuativo della cosa locata non risponde nei confronti del locatore, se la cosa subisce un incendio, ai sensi dell’art. 2051 c.c. Il proprietario di un immobile aveva concesso in locazione il medesimo ad un amico, che, tuttavia, saltuariamente ne concedeva l’uso ad un terzo, […]

Leggi Ancora
Locazione-condominio-spese comuni

Locazione e condominio: chi paga le spese comuni?

In tema di condominio, i soggetti tenuti a contribuire alle spese comuni sono esclusivamente i proprietari delle varie porzioni di piano di un edificio, pur se locate, salvo il diritto ad esserne rimborsati (in parte) dai conduttori. Una società immobiliare, proprietaria di un locale commerciale facente parte di un condominio e condotta in locazione da […]

Leggi Ancora
indennità-perdita-avviamento

Qual è la funzione dell’indennità per la perdita di avviamento?

L’indennità per la perdita di avviamento ha la funzione di riequilibrare la posizione delle parti per compensare, da un lato, la perdita di clientela subita dal conduttore e, dall’altro, evitare che il locatore possa realizzare un arricchimento senza causa per effetto dell’incremento di valore dell’immobile dovuto all’attività del conduttore. Un commerciante aveva chiesto l’annullamento del […]

Leggi Ancora
inquinamento-acustico-responsabilità

Inquinamento acustico: chi risarcisce?

In caso di inquinamento acustico derivante da un immobile locato, è responsabile il solo conduttore e non anche il proprietario, a meno che il contratto di locazione non disponga diversamente. La vicenda giunta all’attenzione della Corte di Cassazione investiva, originariamente, la richiesta di risarcimento danni, derivanti da inquinamento acustico, avanzata da una famiglia che riteneva […]

Leggi Ancora