Close
supercondominio-ripartizione-spese

Il supercondominio

Il cd. supercondominio viene in essere “ipso iure et facto”, ove il titolo non disponga altrimenti, in presenza di beni o servizi comuni a più condomìni autonomi, dai quali rimane, tuttavia, distinto. Alcuni condomìnii avevano impugnato una delibera assunta dal supercondominio, di cui erano parte, dolendosi della ripartizione di alcune spese. Al di là delle […]

Leggi Ancora
Come-stabilisce-condominialità

Come si stabilisce la condominialità?

Condominio: per stabilire la condominialità di un fabbricato adiacente ad altro stabile, va accertata l’esistenza dei presupposti per l’operatività della presunzione di proprietà comune con riferimento al momento della nascita del condominio. La vicenda de qua era nata dall’impugnazione di una delibera assembleare. Tralasciando il merito della questione, quello su cui preme porre l’attenzione sono […]

Leggi Ancora
Condominio-riparto-spese

Condominio: per la deroga ai criteri di riparto delle spese occorre il consenso di tutti

Quando consapevolmente e senza il consenso di tutti i partecipanti l’assemblea deroghi ai criteri di riparto delle spese, la delibera deve considerarsi affetta da nullità. Nella vicenda in esame, un condominio, proprietario di un appartamento, conveniva in giudizio il relativo condominio, chiedendo che fosse annullata o comunque dichiarata nulla la delibera con cui l’assemblea aveva […]

Leggi Ancora
Ascensore-esistente-manutenzione

Ascensore già esistente: chi paga la manutenzione?

Le spese relative alla manutenzione e ricostruzione dell’ascensore già esistente vanno ripartite ai sensi dell’art. 1124 c.c., poiché, trattandosi di mezzo indispensabile per accedere al tetto e al terrazzo di copertura, riveste la qualità di parte comune. Queste le conclusioni cui è giunta la Corte di Cassazione in una vicenda che aveva visto un condomino, […]

Leggi Ancora
convocazione-assemblea-email

Convocazione assemblea condominiale: valida anche tramite email

Convocazione dell’assemblea condominiale: ove sia lo stesso condomino ad aver richiesto la comunicazione della convocazione tramite email, la comunicazione medesima è perfettamente valida. La peculiare questione era nata dall’impugnazione di una delibera condominiale da parte di un condomino che si doleva della mancata inintelligibilità del bilancio ivi approvato; il giudice di prime cure, nel rigettare […]

Leggi Ancora