Close
Demansionamento-licenziamento-lavoro

Demansionamento e licenziamento

È legittimo il patto di demansionamento stipulato dal lavoratore, in difetto di soluzioni alternative all’estinzione del rapporto di lavoro, ai soli fini di evitare il licenziamento o fatti prodromici allo stesso, non solo ove sia promosso dalla consapevole richiesta del lavoratore, ma anche quando l’iniziativa sia stata presa dal datore di lavoro, sempreché vi sia […]

Leggi Ancora
Licenziamento-rendimento-lavoratore

Licenziamento: la correlazione con il rendimento del lavoratore

Licenziamento e rendimento: tra i compiti del personale rientrano non solo la accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico e la custodia dei locali scolastici ma anche i compiti di pulizia dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi. Un collaboratore scolastico aveva impugnato il licenziamento a lui intimato dal MIUR, per […]

Leggi Ancora
Lavoro-sproporzione-sanzione

Lavoro: sproporzione tra sanzione e condotta contestata

Nell’ipotesi di accertata sproporzione tra sanzione applicata e condotta contestata, va disposta la tutela risarcitoria se la condotta stessa non è sussumibile in alcuna delle fattispecie per cui i contratti collettivi o i codici disciplinari prevedano l’irrogazione di una sanzione conservativa – ricadendo il difetto di proporzionalità tra le “altre ipotesi” menzionate dall’art. 18, comma […]

Leggi Ancora
Cessazione-attività-imprenditoriale

Cessazione dell’attività imprenditoriale e licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Nel caso in cui sia accertata la totale cessazione dell’attività imprenditoriale da parte del datore di lavoro, la legittimità del licenziamento intimato ai lavoratori per giustificato motivo oggettivo non è esclusa né dal fatto che lo stabilimento sede dell’impresa non sia stato immediatamente alienato o altrimenti dismesso né dal fatto che uno o pochi altri […]

Leggi Ancora
Licenziamento-giustificato-motivo

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e reintegrazione: la dichiarazione di illegittimità

Va dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 18, co. 7, secondo periodo, L. 300/1970, nella parte in cui prevede che il giudice, quando accerti la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, «può altresì applicare» – invece che «applica altresì» – la disciplina di cui al medesimo art. 18, quarto comma. […]

Leggi Ancora
Lavoro-danni-risarcimento

Lavoro: la diversa rilevanza dei danni e dei criteri di risarcimento

Il danno da inosservanza dei criteri di rotazione in CIGO, CIGS e CIG in deroga e quello da demansionamento attengono a piani risarcitori differenti. Il giudice di primo grado, nella vicenda in esame, aveva accolto la domanda di un dipendente nei confronti della società presso la quale lavorava ed aveva dichiarato l’illegittimità della collocazione in […]

Leggi Ancora
Mancata-collaborazione-licenziamento

La mancata collaborazione da parte del lavoratore può essere causa di licenziamento?

Il riferimento ad un contegno di mancata collaborazione da parte del lavoratore, in contrasto con i principi di buona fede e correttezza nell’esecuzione del contratto, giustificano il licenziamento del lavoratore assente non giustificato a più riprese. Nella vicenda in esame, ad un dipendente erano state comminate prima una serie di sanzioni conservative e poi il […]

Leggi Ancora
Licenziamento-giusta-causa

Licenziamento per giusta causa: quali condotte rilevano?

Licenziamento per giusta causa: ai fini della proporzionalità tra addebito e recesso, rileva ogni condotta che, per la sua gravità, possa scuotere la fiducia del datore di lavoro e far ritenere la continuazione del rapporto pregiudizievole agli scopi aziendali. La vicenda aveva preso le mosse dal licenziamento intimato ad un portalettere: nella specie, l’azienda gli […]

Leggi Ancora
Reintegro-lavoratore-risarcimento

Reintegro del lavoratore illegittimamente licenziamento e risarcimento del danno biologico

Licenziamento illegittimo: dopo il reintegro disposto dal giudice, qualora il lavoratore venga lasciato sostanzialmente inattivo, egli ha diritto al risarcimento del danno biologico. Il Tribunale aveva accolto solo in parte la domanda di risarcimento del danno proposta da un dipendente nei confronti della società per la quale lavorava: nella specie, aveva accolto la domanda volta […]

Leggi Ancora