Close
danno-nascita-indesiderata

Il danno da nascita indesiderata: risarcimento

Risarcimento del danno cosiddetto da nascita indesiderata: il medico che non informi correttamente e compiutamente la gestante dei rischi di malformazioni fetali correlate a una patologia dalla medesima contratta può essere chiamato a risarcire i danni conseguiti alla mancata interruzione della gravidanza. I genitori di un bambino nato con gravi malformazioni avevano citato in giudizio […]

Leggi Ancora
Responsabilità-medica-cartella

Responsabilità della struttura medica: rileva l’inquadramento del medico?

Responsabilità di natura contrattuale della struttura medica: non rileva la circostanza che il medico che ha posto in essere la prestazione fosse o meno inquadrato nell’organizzazione aziendale della struttura. Queste le conclusioni del giudice di merito al termine di una vicenda nata dalla domanda di due fratelli nei confronti della struttura sanitaria presso la quale […]

Leggi Ancora
Interruzione-volontaria-gravidanza

Interruzione volontaria della gravidanza: presupposti e responsabilità medica

L’accertamento di processi patologici che possono provocare rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro consente il ricorso all’interruzione volontaria della gravidanza laddove determini nella gestante un grave pericolo per la sua salute fisica o psichica. Il medico che non informi correttamente e compiutamente la gestante dei rischi può essere chiamato a risarcire i danni. Una donna […]

Leggi Ancora
Omessa-tardiva-trasposizione

Omessa o tardiva trasposizione delle direttive e risarcimento del danno

Omessa o tardiva trasposizione delle direttive comunitarie: sorge il diritto degli interessati al risarcimento dei danni che va ricondotto allo schema della responsabilità per inadempimento dell’obbligazione “ex lege” dello Stato. La vicenda aveva visto la condanna del Ministero al risarcimento danni in favore di un medico per la mancata attuazione della direttiva comunitaria in materia […]

Leggi Ancora
Responsabilità-pensione-sociale

Responsabilità: danno patrimoniale futuro e criterio del triplo della pensione sociale

Quale parametro di riferimento per la liquidazione equitativa del danno patrimoniale futuro da incapacità lavorativa può applicarsi, anche in difetto di prova rigorosa del reddito effettivamente perduto dalla vittima, il criterio del triplo della pensione sociale. La vicenda giunta all’attenzione degli ermellini traeva origine dalla domanda di risarcimento danni di un paziente nei confronti di […]

Leggi Ancora
Responsabilità-contrattuale-medico

La responsabilità contrattuale del medico

Responsabilità contrattuale del medico: il paziente deve provare la esistenza del contratto (o il contatto sociale qualificato) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, restando poi a carico del sanitario convenuto l’onere di dimostrare che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso. La vicenda aveva visto un uomo citare in giudizio il […]

Leggi Ancora
Indicazione-malattia-trattamento

Indicazione di malattia: è trattamento di dati sensibili

Anche l’indicazione della circostanza dell’assenza dal lavoro per malattia o per convalescenza può dare luogo al trattamento di dati sensibili, pur in assenza di riferimenti a patologie specifiche. La questione giunta all’attenzione del tribunale investe la tematica del diritto alla privacy, e segnatamente quel che ricade nell’ambito del trattamento dei dati sensibili. In particolare, la […]

Leggi Ancora
danni-dovere-paziente

Quali danni derivano dalla violazione del dovere di informazione del paziente?

La violazione, da parte del medico, del dovere di informare il paziente può causare sia un danno alla salute, sia un danno da lesione del diritto all’autodeterminazione. Queste le conclusioni delle Corte di Cassazione nell’ambito di una vicenda che aveva visto una donna citare in giudizio l’istituto tumori presso il quale aveva effettuato le relative […]

Leggi Ancora
obbligo-informare-medico

L’obbligo di informare grava sempre sul medico

Il sanitario, al di fuori delle eccezioni previste dall’ordinamento, ha sempre l’obbligo di informare, in modo completo e adeguato, la persona su cui si appresta ad espletare la sua attività sanitaria o su cui già l’ha esercitata. Una donna aveva citato in giudizio il ginecologo che l’aveva seguita durante la gravidanza, chiedendo l’accertamento del suo […]

Leggi Ancora