Close
Privacy-comunicazione-iban

Privacy: la comunicazione a terzi dell’iban integra violazione?

La prova fornita dall’assicurazione al proprio assicurato circa l’avvenuto risarcimento del danno al fine di tenerlo indenne dalle pretese risarcitorie di soggetti terzi non può prevalere sul diritto alla riservatezza ed alla tutela dei dati personali di quei soggetti terzi. Un medico aveva citato in giudizio una compagnia assicurativa chiedendone la condanna al risarcimento di […]

Leggi Ancora
Enti-PEC-privacy

Enti pubblici, PEC e privacy

L’ente pubblico in tema di indirizzi PEC deve rispettare le procedure e le modalità di dotazione e pubblicizzazione prevista dalla normativa di settore: l’utilizzo di una PEC non istituzionale, anche se riferibile a una persona fisica responsabile dell’Ufficio, viola la normativa sul trattamento dei dati personali. Due contribuenti avevano citato in giudizio il comune nel […]

Leggi Ancora
Bandi-gara-privacy

Bandi di gara e privacy dei dipendenti delle imprese concorrenti

Qualora il bando di gara prescriva per ciascuno dei dipendenti dell’impresa concorrente da essa indicati la produzione di copia del Libro Unico del Lavoro, la tutela della privacy del dipendente non può essere valida ragione per sostituire a detta prescritta documentazione una propria dichiarazione, essendo sufficiente oscurare i dati sensibili del dipendente. Questa le conclusioni […]

Leggi Ancora
WhatsApp-messaggi-offensivi

Facebook: come valutare i messaggi offensivi?

L’elemento distintivo tra ingiuria e diffamazione è costituito dal fatto che nell’ingiuria la comunicazione, con qualsiasi mezzo realizzata, è diretta all’offeso, mentre nella diffamazione l’offeso resta estraneo alla comunicazione offensiva intercorsa con più persone e non è posto in condizione di interloquire con l’offensore. La vicenda giunta al vaglio della Corte di Cassazione aveva visto […]

Leggi Ancora
Privacy-riservatezza-oblio

Privacy: tra diritto alla riservatezza e diritto all’oblio

Il diritto all’oblio, a differenza del diritto alla riservatezza, è volto ad impedire che fatti, già legittimamente pubblicati passano essere rievocati nella rilevanza del tempo trascorso. Una società di rappresentanza di dispositivi medicali aveva citato in giudizio un quotidiano on line sulla scorta di un articolo da quest’ultimo pubblicato, articolo ritenuto lesivo dell’immagine dell’attrice, poiché […]

Leggi Ancora
Fotografie-minori-legittima

Fotografie di minori: quando la loro pubblicazione può dirsi legittima?

La pubblicazione dell’immagine altrui, e dunque anche di minori, è legittima, se le immagini ritraggono scene di manifestazioni pubbliche (o anche private ma di rilevanza sociale) o altre iniziative collettive non pregiudizievoli. I genitori di due bambine avevano convenuto in giudizio un’azienda lamentando l’utilizzo improprio del ritratto fotografico delle figlie: nella specie, gli attori avevano […]

Leggi Ancora
Dati-personali-processo

Dati personali: quale utilizzo nel processo?

In tema di protezione dei dati personali, non costituisce violazione della relativa disciplina il loro utilizzo mediante lo svolgimento di attività processuale: tale disciplina non trova applicazione in via generale quando i dati stessi vengano raccolti e gestiti nell’ambito di un processo, spettando la titolarità del trattamento, in esso, all’autorità giudiziaria. La vicenda aveva ad […]

Leggi Ancora
Indicazione-malattia-trattamento

Indicazione di malattia: è trattamento di dati sensibili

Anche l’indicazione della circostanza dell’assenza dal lavoro per malattia o per convalescenza può dare luogo al trattamento di dati sensibili, pur in assenza di riferimenti a patologie specifiche. La questione giunta all’attenzione del tribunale investe la tematica del diritto alla privacy, e segnatamente quel che ricade nell’ambito del trattamento dei dati sensibili. In particolare, la […]

Leggi Ancora
Privacy-lavoro-mail

Privacy: il datore di lavoro può controllare le mail?

I controlli eseguiti dal datore di lavoro sul computer e sulla mail del dipendente contrastano con l’art. 4, co. 3, L. n. 300/1970, qualora quest’ultimo non sia stato informato in merito. Questa la conclusione cui è giunto il tribunale, cui era pervenuta la questione vertente sulla legittimità, ai sensi dell’art. 4 L. 300/1970, dei controlli […]

Leggi Ancora