Close
incompletezza-cartella-clinica

L’incompletezza della cartella clinica non esonera dalla prova

Pur riconoscendo la rilevanza dell’incompletezza della cartella clinica nella ricostruzione delle vicende sanitarie e nell’accertamento della responsabilità del medico e della struttura, tale elemento non conduce automaticamente all’adempimento dell’onere probatorio da parte del danneggiato. Ancora una vicenda inerente alla responsabilità medica, segnatamente l’onere probatorio che il soggetto danneggiato è chiamato ad assolvere per accedere al […]

Leggi Ancora
Separazione-addebito-allontanamento

Separazione e richiesta di addebito: l’allontanamento va provato

In caso di allontanamento dalla casa coniugale e di richiesta di addebito, spetta al coniuge richiedente provare non solo detto allontanamento, ma anche il nesso causale tra questo comportamento e l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza. La questione giunta all’attenzione della Corte di Cassazione aveva preso le mosse da una separazione giudiziale: nella specie, la moglie […]

Leggi Ancora
Insolvenza-imprenditore-prova

Insolvenza dell’imprenditore: prova

La prova della sussistenza della consapevolezza circa lo stato d’insolvenza dell’imprenditore è raggiunta ogni volta che si siano verificate circostanze tali da far presumere ad una persona di ordinaria avvedutezza e prudenza che l’imprenditore si trovi in una situazione di non normale esercizio dell’impresa. Nel caso in esame, la questione giunta all’attenzione della Corte di […]

Leggi Ancora
Separazione-incontri-riconciliazione

Separazione: gli incontri occasionali non configurano riconciliazione

Gli effetti della separazione personale, in mancanza di una dichiarazione espressa di riconciliazione, cessano solo con la coabitazione, che non può ritenersi ripristinata per la sola sussistenza di ripetute occasioni di incontri e di frequentazioni tra i coniugi. La vicenda in esame aveva visto la dichiarazione da parte del tribunale di scioglimento del matrimonio tra […]

Leggi Ancora
danni-risarcibili-responsabilità medica

Quali sono i danni risarcibili in tema di responsabilità medica?

In tema di danni da responsabilità medica, i danni risarcibili sono solo quelli che consistono nelle perdite che sono conseguenza della lesione della situazione giuridica soggettiva e non quelli consistenti nell’evento lesivo in sé considerato. Nella vicenda de qua, una donna aveva convenuto in giudizio l’ASL, assumendo la responsabilità medica dei sanitari della struttura radiologica […]

Leggi Ancora
Abbandono-tetto-coniugale

Abbandono del tetto coniugale

L’abbandono del tetto coniugale deve essere provato non solo quanto alla sua concreta verificazione ma anche nella sua efficacia determinativa della intollerabilità della convivenza e della rottura dell’affectio coniugalis. Il giudice di prime cure, interpellato nell’attuale vicenda di separazione, aveva pronunciato la medesima e determinato l’assegno mensile da versare in favore delle figlie della coppia […]

Leggi Ancora
Lavoro-prova-licenziamento

La prova nel licenziamento

Licenziamento: la prova della sussistenza delle ragioni inerenti all’attività produttiva ed all’organizzazione del lavoro, causa della soppressione di una posizione lavorativa grava interamente sul datore di lavoro. Un ex dipendente, dopo aver premesso d’aver lavorato per l’azienda convenuta prima tramite contratto di lavoro a termine e poi a seguito di stipula di contratto di lavoro […]

Leggi Ancora
responsabilità-medica-prova

Responsabilità medica e riparto onere della prova

In tema di responsabilità professionale medica, in particolare quanto al riparto dell’onere della prova, l’attore deve limitarsi a provare il contratto, o il contatto sociale, e l’aggravamento di una patologia o l’insorgenza di una affezione, mentre sul medico grava l’onere di dimostrare il fatto estintivo. Così ha deciso il tribunale capitolo, definendo una vicenda il […]

Leggi Ancora
donazioni-indirette-validità

Donazioni indirette: cosa occorre?

Per la validità delle donazioni indirette, è sufficiente l’osservanza delle forme prescritte per il negozio tipico utilizzato per realizzare lo scopo di liberalità. La Corte di legittimità ha fornito tale importante precisazione nell’ambito di una vicenda che aveva visto un padre, dopo aver acquistato, in comunione con la moglie, l’usufrutto su un immobile, attribuendo la […]

Leggi Ancora